Angioma della faringe - cause, sintomi, diagnosi e trattamento

L'angioma della faringe è il 13% di tutti i tumori benigni della faringe e della laringe. Il tumore può essere in uno stato latente (inattivo) per molti anni e solo allora inizia la sua crescita. L'angioma della faringe, che cresce dai vasi sanguigni, ha un colore rosso-cianotico, rosso-brunastro o viola. Più spesso si verifica nell'arco palatina, palato molle, la radice della lingua, parete posteriore e laterale della faringe, tonsille. L'angioma della faringe, formato dai vasi linfatici, è giallo pallido a causa della linfa che lo riempie. È più spesso localizzato nello spazio di rivestimento e sull'epiglottide.

otorinolaringoiatria, si trova la loro divisione in base al tipo di vasi da cui provengono gli angiomi e la struttura del tumore.

Angiomi della faringe, che crescono dai vasi sanguigni, si riferiscono a emangiomi. A loro volta, sono suddivisi in emangiomi capillari (semplici), cavernosi (cavernosi) e ramificati. Gli emangiomi capillari sono visualizzati come punti separati di colore blu-viola o rosso e provengono da capillari dilatati. Emangiomi cavernosi hanno la forma di neoplasie nodulari di colore blu scuro, ricoperte da mucosa assottigliata. Consistono in una moltitudine di cavità piene di sangue. L'emangioma ramificato è un gonfiore sotto le mucose, costituito da vasi pulsanti e sanguigni. Quando vengono premuti su queste formazioni, si attenuano e si riempiono rapidamente di sangue.

Angiomi della faringe, formati dai vasi linfatici, sono chiamati linfangiomi. Tra questi si distinguono le formazioni semplici, cavernose e cistiche. I linfangiomi semplici sono formati da capillari linfatici. I linfangiomi cavernosi hanno una struttura spugnosa con molte cavità linfatiche piene di linfa. Il linfangioma cistico può assumere la forma di una singola cisti o di più cisti, talvolta unite l'una con l'altra.

corpo estraneo in gola e difficoltà nel processo di deglutizione del cibo o della saliva. Con la crescita dell'istruzione nella regione delle corde vocali, sorge la raucedine. Angiomi della faringe di grandi dimensioni possono causare tosse e difficoltà di respirazione.

L'emangioma raggiunge spesso dimensioni considerevoli ed è accompagnato da una crescita diffusa dello spessore dei tessuti circostanti. Anche un leggero trauma a emangioma cavernoso o cistico può causare gravi emorragie, in alcuni casi portando a una significativa perdita di sangue. I linfangiomi, di regola, non raggiungono grandi dimensioni e raramente sono più grandi di un grande pisello. Questi angiomi della gola non sono pericolosi in termini di sanguinamento.

un otorinolaringoiatra durante l'esame della faringe a causa di un'altra malattia (faringite, tonsillite, laringite, adenoidi, ecc.). Angiomi della gola sufficientemente grandi sono accompagnati da disturbi tipici, che consentono al medico di sospettare la presenza di un'entità benigna. Per chiarire la diagnosi è necessario effettuare la faringoscopia. In alcuni casi, per eliminare la natura infiammatoria della formazione o il processo infiammatorio di accompagnamento nel rinofaringe, viene eseguito uno studio batteriologico dello striscio dalla faringe.

La conferma al 100% della diagnosi di angiomia della faringe è un quadro caratteristico della struttura tissutale della neoplasia, determinata da un esame istologico, che di solito viene eseguito dopo la rimozione del tumore. Non viene eseguita una biopsia dell'angioma. Nel caso di emangioma, è pericoloso sanguinamento e con linfangioma può portare a gonfiore della laringe e asfissia.

La diagnosi differenziale dell'angioma faringeo viene effettuata con altre neoplasie benigne (fibroma, condroma, cisti di ritenzione, papilloma, polipo faringeo peloso, poliposi diffusa) e carcinoma faringeo.

La rimozione endoscopica degli angiomi faringei, che hanno una base stretta nella forma di un peduncolo, viene effettuata da un anello elettrochimico. Se l'angioma faringeo ha una base ampia, viene rimosso mediante diatermocoagulazione. Possibile escissione chirurgica dell'angioma, prodotta all'interno di tessuti immodificati. Grandi angiomi faringei situati sulla parete posteriore della faringe vengono rimossi mediante faringotomia laterale.

La radioterapia è indicata in caso di emangiomi capillari o cavernosi. Viene effettuato introducendo nel tumore preparazioni di radio e porta alla sclerosi dell'angioma.

Prognosi dell'angiomia della gola



Gli angiomi della gola sono neoplasie benigne che non sono soggette a malignità, crescita rapida, distruzione dei tessuti circostanti e recidiva. A questo proposito, hanno una prognosi favorevole sia per la vita del paziente che per il recupero a seguito di un trattamento adeguatamente condotto. Il più grande pericolo si osserva in presenza di emangioma cavernoso ed è associato alla possibilità di sanguinamento abbondante, che in caso di grossa perdita di sangue può portare alla morte.