Angiodisplasia del colon - cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Angiodisplasia dell'intestino crasso è un'ectasia vascolare, una malattia degenerativa in cui i vasi che circolano nell'intestino distale si espandono e si deformano. I principali sintomi della malattia sono il sanguinamento periodico dal retto, che può portare allo sviluppo di anemia. Per la diagnosi di malattia con un test del sangue comune, esame del sangue occulto nelle feci, la colonscopia, angiografia dei vasi mesenterici, clisma opaco e radionuclide del colon la scintigrafia. I metodi di trattamento chirurgici minimamente invasivi più efficaci, i metodi conservativi sono in fase di sviluppo.

  • Cause dell'angiodisplasia dell'intestino crasso
  • Sintomi di angiodisplasia dell'intestino crasso
  • Diagnosi di angiodisplasia dell'intestino crasso
  • Trattamento dell'angiodisplasia dell'intestino crasso
  • Angiodisplasia dell'intestino crasso - trattamento

  • Angiodisplasia dell'intestino crasso



    sanguinamento dall'intestino crasso. La malattia nella maggior parte dei casi non porta alla morte, ma peggiora significativamente la qualità della vita dei pazienti. La diagnosi e il trattamento di questa patologia sono eseguiti da un proctologo medico. La proctologia moderna sviluppa metodi innovativi per il trattamento di una malattia che potrebbe efficacemente prevenire l'emorragia dall'intestino crasso.

    sanguinamento intestinale. I pazienti con angiodisplasia del colon si riferiscono ai proctologo, chirurghi e gastroenterologi, ma è chiaro che dopo l'operazione per determinare la causa del sanguinamento non può.

    L'angioedema congenito dell'intestino crasso inizia ad apparire nella prima infanzia o immediatamente dopo la nascita. Il quadro clinico in questo caso è rappresentato anche da sanguinamento intestinale. Spotting spesso appare dopo ogni atto di defecazione. Un sintomo importante di questa malattia è l'assoluta assenza di dolore del sanguinamento e la loro chiara connessione con l'atto della defecazione. Inoltre, con l'angioedema congenito del colon, c'è una tendenza ad aumentare il sanguinamento nel tempo. Il periodo di manifestazione della malattia, la frequenza e la gravità delle manifestazioni cliniche dipendono dal grado di lesione dell'intestino crasso.

    endoscopia e altre tecniche strumentali. Il metodo principale è la colonscopia con biopsia, che consente di studiare le condizioni della mucosa dell'intestino crasso. Quando angiodisplasia del colon cambiamenti locali possono verificarsi che sono tipici per emorragica telangiectasia, sindrome CREST e la sindrome di Turner. Una caratteristica distintiva dell'angiodisplasia è che in questa patologia non ci sono altre manifestazioni cliniche caratteristiche di queste sindromi. La colonscopia ha un alto potere risolutivo, grazie al quale è possibile diagnosticare chiaramente la diffusione del processo patologico lungo l'intestino spesso. Quando angiodisplasia genesi vascolare congenita endoscopicamente rilevata sporgenze sulla mucosa, che hanno la forma di aumenti irregolari di varie forme. Questi elementi vascolari sono solitamente pieni di sangue.

    Il prossimo importante metodo per diagnosticare la malattia è l'angiografia, in cui viene studiato lo stato dei vasi dell'intestino crasso. Questa tecnica prevede l'introduzione di materiale di contrasto a raggi X nella circolazione sanguigna venosa. Una procedura diagnostica più specifica è la scintigrafia dell'intestino crasso. È effettuato dall'introduzione di erythrocytes identificato. La limitazione di questa tecnica è che il sanguinamento durante l'angiodisplasia di solito non è permanente.

    Clisma con somministrazione di contrasto bario permette non solo di diagnosticare angiodisplasia del colon, ma anche per chiarire la sua prevalenza sull'intestino. Inoltre, questa tecnica consente di determinare le condizioni dei tessuti circostanti, la larghezza e la funzionalità dell'intestino. La diagnosi di laboratorio viene anche utilizzata per diagnosticare questa malattia. È obbligatorio condurre un esame del sangue generale in cui sia possibile rilevare segni di anemia dovuti a perdite di sangue. Si raccomanda inoltre di eseguire un esame del sangue occulto alle feci, che consente di determinare la presenza di sangue nelle feci.

    Embolizzazione delle navi attraverso l'introduzione di polimeri speciali o schiuma gel. Le tattiche terapeutiche per l'angiodisplasia del colon dipendono dal volume della perdita di sangue, dalla frequenza del sanguinamento e da altri fattori. Recentemente, il trattamento medico è stato sempre più utilizzato, il che elimina il sanguinamento dovuto alla displasia nei vasi intestinali. Secondo diversi studi, gli ormoni di octreotide e talidomide sono buoni risultati. Tuttavia, secondo altri esperti, questi fondi non erano abbastanza efficaci.

    I metodi di trattamento promettenti considerano recentemente l'effetto sul flusso sanguigno mesenterico e il blocco dei peptidi vasodilatatori. I trattamenti terapeutici più comuni sono l'uso di estrogeni e progesterone. Con sanguinamento intestinale piccolo, raramente presente, possono essere utilizzati fotocoagulazione, ablazione endoscopica e terapia sclerosante. Se il paziente spesso ha un sanguinamento abbondante, che peggiora bruscamente le condizioni cliniche e porta all'anemia, allora gli viene mostrata la resezione del sito sanguinante dell'intestino. Molto spesso la resezione del sigma e del retto. Dopo tali interventi vengono eseguite operazioni ricostruttive sul sigma e sul retto.

    La prevenzione dell'angiodisplasia del colon è il trattamento tempestivo delle malattie del tratto gastrointestinale e di altre patologie croniche. La prognosi per la vita è favorevole nella maggior parte dei casi, anche se i proctologi non sempre riescono a ottenere una cura completa dei pazienti.