Distrofia alimentare - cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Distrofia alimentare - una malattia caratterizzata da una grave insufficienza di proteine ​​e più spesso più pronunciata di energia. Le manifestazioni possono essere molto diverse, le principali sono la perdita di peso di oltre il 20% (o BMI inferiore a 16), pelle secca e flaccida, capelli e unghie fragili, letargia, sonnolenza e debolezza, aumento dell'appetito. La diagnosi si basa principalmente sull'anamnesi, una combinazione di sintomi oggettivi e soggettivi, oltre all'esclusione di altre malattie. Il trattamento è complesso, consiste nello stabilire un'alimentazione e ripristinare le riserve di sostanze nutritive, vitamine e microelementi nel corpo.

  • Cause della distrofia alimentare
  • Classificazione della distrofia alimentare
  • Sintomi della distrofia alimentare
  • Diagnosi della distrofia alimentare
  • Trattamento della distrofia alimentare
  • Distrofia alimentare - trattamento

  • Distrofia alimentare



    anoressia - e questa è la stessa distrofia alimentare di grado grave.

    insufficienza cardiaca o da un'infezione che si è unita alla presenza di una significativa inibizione dell'immunità.

    La gastroenterologia è accettata per dividere la distrofia alimentare in entrambe le forme e gravità. Nella forma, la malattia è divisa in cachecemica (secca) ed edematosa. La forma ha un corso più sfavorevole. L'edema è caratterizzato dallo sviluppo di edema diffuso, tra cui l'interno (ascite, pericardite e pleurite), questa forma è meglio curabile.

    La gravità della malattia è divisa in tre fasi. Al primo stadio, vi è una leggera diminuzione del peso corporeo, mantenendo l'efficienza, insieme alla comparsa di lamentele sulla minzione più frequente, sete e aumento dell'appetito, sensazione di freddo e debolezza. Al secondo stadio c'è una significativa perdita di peso con perdita di efficienza. Tali pazienti possono ancora servire se stessi, ma sono praticamente incapaci di qualsiasi lavoro. Ci possono essere gonfiore, una significativa diminuzione dei livelli di proteine, spesso ci sono episodi di abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue. Nella terza fase, i pazienti non possono più muoversi autonomamente e alzarsi dal letto, sono drasticamente impoveriti. Quando c'è un coma affamato, anche un paziente che ha lavorato in precedenza parla della terza fase della malattia.

    sonnolenza. Spesso, sete, aumento dell'appetito. Uno dei sintomi specifici è la propensione a mangiare sale.

    Se la dieta non viene regolata, la malattia progredisce e passa allo stadio successivo. Allo stesso tempo, la pelle diventa molto flaccida e secca, si incurva nelle pieghe, assomiglia alla pergamena. Eseguire qualsiasi lavoro fisico diventa molto difficile, la condizione generale soffre abbastanza forte. Appaiono i primi segni di distrofia e interruzione del funzionamento degli organi interni (stitichezza e altre manifestazioni dispeptiche, disfunzione cardiaca, disturbi endocrini - le donne perdono le mestruazioni, si verifica infertilità). C'è una tendenza alla diminuzione della temperatura. La palpitazione è ridotta, la pressione è bassa. Ci possono essere cambiamenti nella psiche.

    L'ultimo stadio della malattia è caratterizzato da una vivida manifestazione dell'estinzione di tutte le funzioni del corpo. Il grasso sottocutaneo è assente, i muscoli diventano molto sottili e flaccidi. L'uomo nella terza fase non è più in grado di muoversi. C'è una diminuzione del livello di tutte le cellule del sangue (eritrociti, globuli bianchi, piastrine), l'immunità è soppressa. Il sangue mostra un livello molto basso di proteine, una tendenza ad abbassare i livelli di glucosio. Le scorte di vitamine e minerali sono completamente esaurite, le ossa diventano fragili. Poiché il corpo inizia il catabolismo (distruzione) delle proprie proteine, i prodotti tossici della loro decomposizione iniziano ad accumularsi nel sangue. Ciò porta ad un peggioramento ancora maggiore dello stato, alla comparsa di gravi disturbi mentali (il risultato dell'azione dei prodotti di decadimento sul cervello). Di solito negli ultimi stadi della malattia, anche l'inizio del trattamento e della nutrizione non può impedire un esito triste.

    La condizione più grave che si sviluppa nelle ultime fasi della distrofia alimentare è il coma affamato. Nasce da una significativa riduzione della glicemia e dall'incapacità di fornire al cervello la quantità di energia richiesta. La clinica di questa condizione è abbastanza luminosa: un'improvvisa perdita di coscienza, pelle pallida e fredda, le pupille sono ampie. La temperatura corporea è significativamente ridotta. Respirare superficialmente, può essere raro e irregolare. I muscoli senza tono possono sviluppare crampi. L'impulso non viene praticamente rilevato, debole, la pressione è bassa. Se non fornisci un aiuto tempestivo, la morte arriverà da una fermata dell'attività cardiaca e della respirazione.

    Inoltre, il decorso della distrofia alimentare può essere complicato dall'aggiunta di varie infezioni (intestinale, tubercolosi, polmonite, sepsi). Spesso, la morte si verifica da embolia dell'arteria polmonare con trombi (PE), con sovraffaticamento durante lo sforzo fisico.

    esami del sangue clinici biochimici e dettagliati, segni di distrofia degli organi interni per ultrasuoni, TC o RM), oltre a escludere altre malattie, la diagnosi non è difficile.

    La differenziazione della distrofia alimentare segue altre malattie che possono portare all'esaurimento del corpo: processi cancerogeni (principalmente cancro gastrico e intestinale), tubercolosi, diabete mellito, disordini pituitari e tireotossicosi. La distrofia alimentare da altre malattie è caratterizzata da un marcato aumento di sete e appetito, fame, grave esaurimento muscolare e cambiamenti della pelle, bradicardia e diminuzione della temperatura corporea, interruzione di tutte le ghiandole endocrine.

    infusione di varie soluzioni.

    Al terzo stadio, le trasfusioni di emoderivati ​​(eritrociti e plasma, albumina) sono obbligatorie. Corregge lo stato acido-base del corpo.

    Per trattare le complicazioni infettive, vengono somministrati antibiotici (secondo la sensibilità). Inoltre, lo stato immunitario, la disbiosi viene corretto.

    Il trattamento del coma alimentare consiste nell'introduzione di una soluzione di glucosio al 40% per via endovenosa prima del ripristino della coscienza o del livello di glucosio nel sangue; riscaldamento, vitamina e terapia ormonale; arrestare le convulsioni.

    Durante e dopo la fine del ciclo di trattamento, tali pazienti richiedono una potente riabilitazione psicofisica, che può durare fino a sei mesi dopo la dimissione dall'ospedale, quindi il trattamento viene eseguito congiuntamente da un gastroenterologo e uno psicoterapeuta.

    Prognosi e prevenzione



    Di solito una malattia senza un adeguato trattamento porta a un esito letale entro non più di 3-5 anni. Con il trattamento tempestivo iniziato, l'effetto esterno può essere raggiunto abbastanza rapidamente, tuttavia, il ripristino della funzione degli organi interni può durare per anni. La prevenzione è la promozione di uno stile di vita sano e un'alimentazione corretta.