Infezione adenovirale - cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Infezione da adenovirus - Processo infettivo virale acuto, accompagnato dalla sconfitta delle vie respiratorie, occhi, tessuto linfoide, apparato digerente. Segni di infezione adenovirus sono intossicazioni lievi, febbre, naso che cola, raucedine, tosse, iperemia congiuntivale, secrezione di muco dagli occhi, la funzione intestinale alterata. Oltre alle manifestazioni cliniche, nella diagnosi vengono utilizzati metodi di indagine sierologici e virologici. La terapia dell'infezione da adenovirus viene effettuata da farmaci antivirali (all'interno e localmente), immunomodulatori e immunostimolanti, agenti sintomatici.

  • Cause dell'infezione da adenovirus
  • Sintomi dell'infezione da adenovirus
  • Diagnosi e trattamento dell'infezione da adenovirus
  • Prognosi e prevenzione dell'infezione da adenovirus
  • Infezione da adenovirus - trattamento

  • Infezione da adenovirus



    SARS causata da adenovirus e caratterizzata dallo sviluppo rinofaringite, laringotraheobronhita, congiuntivite, linfoadenopatia, sindrome dispeptici. Nella struttura generale delle malattie respiratorie acute, l'infezione da adenovirus è di circa il 20%. La maggiore suscettibilità agli adenovirus è dimostrata da bambini da 6 mesi a 3 anni. Si ritiene che nell'età prescolare quasi tutti i bambini soffrano di uno o più episodi di infezione da adenovirus. Casi sporadici di infezione da adenovirus sono registrati tutto l'anno; nella stagione fredda, l'incidenza è epidemica. L'attenzione per l'infezione da adenovirus è ribadita da malattie infettive, pediatria, otorinolaringoiatria, oftalmologia.

    congiuntivite adenovirale nella maggior parte dei casi servono come sierotipi 347.

    I virioni contengono un DNA a doppio filamento del patogeno, hanno un diametro di 70-90 nm e tre antigene (antigene specifico A-gruppo; determinazione delle proprietà tossiche L'adenovirus-antigene e specifiche C-tipo antigene). Gli adenovirus sono relativamente stabili nell'ambiente esterno: in condizioni normali persistono per 2 settimane, le basse temperature e l'essiccazione sono ben tollerate. Allo stesso tempo, l'agente eziologico dell'infezione da adenovirus viene inattivato quando esposto ai raggi ultravioletti e ai disinfettanti contenenti cloro.

    Gli adenovirus si diffondono da persone malate, che espellono il patogeno con muco nasofaringeo e feci. Quindi ci sono 2 modi principali di infezione - nel primo periodo della malattia - nell'aria; nel tardo - fecale-orale - in questo caso la malattia procede in base al tipo di infezioni intestinali. È possibile un corso d'acqua di infezione, quindi l'infezione da adenovirus viene spesso definita "malattia della piscina". La fonte dell'infezione da adenovirus può anche essere portatori di virus, pazienti con forme asintomatiche e cancellate della malattia. L'immunità dopo l'infezione trasferita è specifica per tipo, pertanto sono possibili malattie ripetute causate da un altro sierotipo del virus. Esiste un'infezione nosocomiale, comprese le procedure di trattamento parenterale.

    L'adenovirus può penetrare nel corpo attraverso la mucosa del tratto respiratorio superiore, l'intestino o la congiuntiva. La riproduzione procede virus nelle cellule epiteliali, i linfonodi regionali e formazioni intestinali linfoidi che coincide nel tempo con un periodo di incubazione dell'infezione da adenovirus. Dopo la morte delle cellule colpite, le particelle virali vengono rilasciate ed entrano nel sangue, causando viremia. Cambiamenti si sviluppano nel guscio del naso, tonsille, parete faringea posteriore, congiuntiva; l'infiammazione è accompagnata da una componente essudativa pronunciata, che causa la comparsa di secrezione sierosa dalla cavità nasale e dalla congiuntiva. La viremia può portare al coinvolgimento nel processo patologico dei bronchi, del tratto digestivo, dei reni, del fegato, della milza.

    tonzillofaringit, laryngotracheobronchitis), febbre faringo, congiuntivite acuta e cheratocongiuntivite, la sindrome di diarrea. Il decorso dell'infezione da adenovirus può essere lieve, moderato e grave; semplice e complicato.

    Il periodo di incubazione per l'infezione da adenovirus dura 2-12 giorni (di solito 5-7 giorni), seguito da un periodo di manifestazione con una consistente comparsa di sintomi. I primi segnali sono aumentate la temperatura corporea a 38-39 ° C e sintomi moderati di intossicazione (letargia, scarso appetito, dolori muscolari e articolari). Contemporaneamente alla febbre, si verificano cambiamenti catarrali nel tratto respiratorio superiore. Ci sono scariche sierose dal naso, che poi diventano mucopurulent; respirazione nasale ostruita. Indicato arrossamento moderata e gonfiore della mucosa della parete posteriore della faringe, punto rivestimento biancastra tonsille. Con l'infezione da adenovirus, c'è una reazione dai linfonodi sottomascellari e cervicali. Nel caso di laringotraheobronhita appare raucedine, secca tosse, mancanza di respiro è possibile, lo sviluppo di laringospasmo.

    La sconfitta della congiuntiva nell'infezione da adenovirus può procedere in base al tipo di congiuntivite catarrale, follicolare o pleurica. Di solito, il processo patologico coinvolge gli occhi alternativamente. Disturbi incisioni, bruciore, lacrimazione, sensazione di presenza di un corpo estraneo negli occhi. All'esame rivelato arrossamento moderata e gonfiore delle palpebre, iperemia congiuntivale e granulosità iniezione sclerale, a volte - la presenza di un film denso bianco-grigiastro sulla congiuntiva. Nella seconda settimana della malattia, la cheratite può attaccarsi alla congiuntivite.

    Se l'infezione adenovirale si verifica nella forma intestinale, dolori ci parossistiche nel ombelicale e destra fossa iliaca, febbre, diarrea, vomito, linfoadenite mesenterica. Con un forte dolore, la clinica assomiglia ad un'appendicite acuta.

    La febbre per l'infezione da adenovirus dura 1-2 settimane e può essere ondulata. I segni di rinite e congiuntivite si riducono dopo 7-14 giorni, catarro delle prime vie respiratorie - dopo 14-21 giorni. Nei casi gravi, gli organi parenchimali sono colpiti; può verificarsi meningoencefalite. I bambini del primo anno di vita spesso sviluppano polmonite da adenovirus e grave insufficienza respiratoria. Il corso complicato di infezione da adenovirus è solitamente associato alla stratificazione dell'infezione secondaria; Le complicanze più frequenti della malattia sono sinusite, otite media, polmonite batterica.

    reazione di immunofluorescenza e microscopia elettronica immune. La conferma retrospettiva della diagnosi eziologica viene effettuata con i metodi ELISA, RTGA, RSK. diagnosi virologica comporta l'isolamento di tamponi nasofaringei adenovirus e raschiatura della congiuntiva di feci dei pazienti, ma a causa della complessità e della durata raramente utilizzato nella pratica clinica.

    La diagnosi differenziale delle diverse forme cliniche di infezione adenovirale con l'influenza effettuata, in altri la SARS, la difterite faringe e gli occhi, mononucleosi infettiva, infezioni micoplasma, yersiniosi. Per questo scopo, così come per la nomina di trattamento etiotropico locale, i pazienti hanno bisogno di consultazione di un oftalmologo e un otorinolaringoiatra.

    La terapia etiotropica generale viene eseguita con farmaci antivirali (umifenovir, ribavirina, un farmaco da anticorpi all'interferone gamma umano). terapia locale include infezione adenovirale: instillazione di collirio (soluzione o deossiribonucleasi sodio sulfacyl), applicazione aciclovir come unguento occhio per unguenti palpebra somministrazione intranasale ossalico, intranasale instillazione endofaringealnuyu e interferone. Terapia sintomatica e posindromnoy: medicine d'inalazione, antipiretiche, antitosse e espettoranti, vitamine. Con l'infezione da adenovirus, gravata da complicazioni batteriche, vengono prescritti antibiotici.

    la vaccinazione contro l'infezione da adenovirus non è stata ancora sviluppata.